Salta al contenuto

Linee guida

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

Nella mia lista di idee per un articolo c’era questa: “Modi spicci per vivere intenzionalmente”. Ovvero, poche, semplici, cose che mi aiutassero a rimanere concentrato sulle cose importanti. Tipo, una cosa da appendere al muro come promemoria. Ho provato a buttare già delle brevi linee guida. Eccole. In modo molto più spiccio, ma con tutti i riferimenti necessari.

  1. Definisci le priorità. Riconnettiti con i tuoi perché. Individua quattro o cinque cose che hanno – o devono avere – la precedenza sul resto. Sempre.
  2. Non esagerare con gli impegni. Quali dei tuoi impegni sono allineati con le tue priorità? Gli altri, cancellali.
  3. Fai spazio per te. Elimina tutto quello che occupa spazio senza aggiungere nulla di più. A livello fisico (computer, scrivania, casa…), mentale (cose a cui poni attenzione), e relazionale (persone, attività…). Crea dei margini nella tua vita.
  4. Ricaricati. Ovvero dormi e riposa. Non cercare di essere sempre produttivo, ma dedica un paio d’ore al giorno a curarti del tuo corpo.
  5. Penditi cura della tua mente. Insieme al tuo corpo è quello che ti consente di raggiungere i tuoi obiettivi. Quindi, prenditene cura. Come? Meditando. Scrivendo un diario. Prendendoti del tempo per pensare, senza fare altro. O semplicemente facendo una passeggiata (senza cuffie nelle orecchie), o stendendoti a prendere il sole.
  6. Meno oggetti, più esperienze. Spendi meno nel comprare le cose. Meno oggetti, richiedono meno tempo per gestirli, consentono di avere un budget maggiore per le cose che davvero ti interessano, e ti consentono di spendere più tempo nelle esperienze. Gli oggetti passano. Le esperienze restano. Chiamiamolo minimalismo pratico.
  7. Seleziona le fonti. Scegli le tue fonti di informazione, i negozi in cui compri, il cibo che mangi. Spendi del tempo a scegliere, e quando hai scelto non cambiare più. Sceglil’essenziale, e rimuovi il resto.
  8. Niente notifiche. Di qualunque cosa. Concedere ad altri di notificarti, inviarti della posta, e così via, significa concedere ad altri di dettare la tua agenda. Spendi del tempo per bloccare lo spam e utilizza le notifiche per le cose davvero importanti. Dì di no a priori, e scegli poi a cosa dire di sì.
  9. Una cosa alla volta. Il multitasking uccide. Letteralmente. Ed è per altro un’illusione. Concentrando la tua attenzione su una cosa sola alla volta riuscirai meglio in quello a cui ti dedichi e spendendo in esso meno tempo. Ti rimarrà tempo per fare (meglio) le cose a cui tieni.

Per essere un decalogo, ci manca un punto. Ma meno è meglio, e poi non ho bisogno di un decalogo. Però mi sembrava una buona idea avere una lista di precetti da seguire. I tuoi quali sono?

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre