Salta al contenuto

Il suono del taglio

In ogni pratica c’è un elemento che ti aiuta a progredire, ed è sempre lo stesso.

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Quando inizi a raderti con il rasoio tradizionale, ti ritrovi presto in un altro mondo. La sbarbata diventa una pratica meditativa e per progredire in questo rituale sei pronto a spendere in rasoi, lamette, saponi, pennelli, pre e post rasatura, qualunque cosa pur di vivere quell’esperienza paradisiaca di cui raccontano gli esperti “tonsori”. E però l’unico elemento in grado di offrirti ciò che vai cercando, il tempo, difficilmente lo prendi in considerazione come prima cosa.

Il tempo di preparare il viso e montare il sapone.
Il tempo di raderti nelle diverse direzioni dei peli che ti crescono sulla faccia.
Il tempo di curare la pelle dopo la rasatura.

E poi c’è tutto il tempo necessario per scoprire i vari prodotti, identificare quelli più adatti, provarli… E soprattutto c’è il tempo della pratica.

💡
“Compra” il tempo per la tua pratica. Non importa che prodotti usi (be’, quasi sempre). Questo include il tempo prima, durante, e dopo. Il tempo che spendi nella tua pratica la renderà migliore e ti aiuterà a progredire.

Qualunque sia l’attività a cui tu ti stia dedicando.
Qualunque sia la pratica che hai intrapreso.
Qualunque fissa tu abbia in questo momento, il tempo che dedichi alla pratica la renderà migliore. E così il tempo che dedichi alle persone renderà migliore la tua relazione con esse.

Non è però solo la quantità del tempo che migliora la pratica. È la qualità del tempo che spendi in ciò a cui ti dedichi che fa la differenza.

Nel radersi con un rasoio di sicurezza – che per quanto di sicurezza richiede una certa attenzione per non tagliarsi – c’è un aspetto da tenere in considerazione più di tutti gli altri: il suono del taglio. Ascoltare il suono del taglio ti aiuta come spegnere la radio in auto per vedere meglio la strada. È così che capisci la lametta e trovi l’angolo corretto, che rade e non strappa. Il tempo richiesto per l’ascolto è poco, ma è solo dedicando la tua attenzione a esso che cresci nella pratica.

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre