Salta al contenuto

Strumenti di analisi e organizzazione per il web marketing

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Pianifica, programma, controlla. Sono state queste le parole chiave dell’intervento di Paolo Dello Vicario al Festival del web marketing. A sostegno delle teorie sono stati forniti anche tool per tenere tutto sotto controllo. Purtroppo non ho potuto essere presente, ma per fortuna c’era mio fratello Daniele a cui devo questi appunti.

Il cavallo di battaglia di Paolo è l’organizzazione e la pianificazione delle attività di web marketing piuttosto della continua ricerca di nuovi strumenti e software. Ecco dunque che si parte dall’immancabile foglio di calcolo. Usato però in maniera logica e costante.

Due le matrici di lavoro suggerite:

  • l’analisi SWOT per confrontare punti di forza e di debolezza con opportunità e minacce;
  • BPC, una matrice a due assi per mettere in relazione la redditività dei prodotti e servizi individuati con la quantità di tempo necessaria.

Dopo aver definito le matrici è più semplice pianificare le tappe del processo di web marketing:

  1. abstract;
  2. analisi del contesto;
  3. inquadramento e obiettivi;
  4. strategia web marketing e mix;
  5. piano operativo di controllo.

Se vuoi approfondire l’argomento, ecco alcune risorse consigliate durante il keynote:

  • il diagramma di Gantt , per organizzare la campagna;
  • Kanban board: dimentica di fare più di 5 cose alla volta;
  • semrush, ahrefs e topsy per l’analisi dei link sui motori e nei social;
  • Podio, Whatsapp e Google Drive per organizzazione dei compiti e condivisione all’interno del gruppo di lavoro. In questo caso io non sono per nulla d’accordo. La mia triade è Trello, Evernote e Quip e a come usare queste tre app per gestire un team ho già dedicato un post a cui ti rimando.
  • Zapier, per combinare questi strumenti. Anche in questo caso la mia preferenza è un’altra. Anzi due. Ifttt per concatenare i nostri tool e Slack per gestire le comunicazioni del team.
Comunicazione

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

La fine di Facebook & co

Se la tua strategia di content marketing è ancora ancora ai social network, è il caso che cominci a guardare avanti. Secondo un report di Buzzsumo infatti la condivisione dei contenuti è in calo verticale. Ecco un commento letto sul Nieman Lab (neretto mio) The top line takeaway from its

La fine di Facebook & co
Solo per gli iscritti

L'intelligenza artificiale renderà Facebook pauroso

Olivia Solon, sul Guardian, riporta una dei passaggi chiave dell’ultima conferenza degli sviluppatori di Facebook: Facebook is looking at using optical imaging – using lasers to capture changes in the properties of neurons as they fire – to glean words straight from our brain before we say them. If these signals

Solo per gli iscritti

Ben Ubois: con Feedbin ho reso il web più bello da leggere

Questo articolo è parte di una serie sulla dieta informativa per blogger, giornalisti, professionisti e semplici appassionati di news. Per ricevere i precedenti articoli e il seguito, iscriviti al form qui sotto. Nelle scorse settimane ho condiviso la mia strategia per usare bene gli RSS nel 2017. Nel primo articolo

Ben Ubois: con Feedbin ho reso il web più bello da leggere