Salta al contenuto

Ben Ubois: con Feedbin ho reso il web più bello da leggere

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

Table of Contents

Questo articolo è parte di una serie sulla dieta informativa per blogger, giornalisti, professionisti e semplici appassionati di news. Per ricevere i precedenti articoli e il seguito, iscriviti al form qui sotto.

Nelle scorse settimane ho condiviso la mia strategia per usare bene gli RSS nel 2017. Nel primo articolo di questa mini-serie ho spiegato perché oggi gli RSS sono fondamentali per distinguere l’informazione dal rumore, e ho poi illustrato quali siano i migliori servizi per gli RSS.

Ben UboisIl mio preferito è Feedbin: nella mia recensione ho spiegato come lo uso e lo integro con altre app e servizi. Quella che segue è una breve intervista a Ben Ubois, sviluppatore di Feedbin, che dopo aver lanciato il servizio come side project, ha recentemente lasciato il lavoro per dedicarcisi full-time. Feedbin vuole essere un luogo dove riaffermare il valore dei contenuti pubblicati online, consentendone al pubblico una gradevole fruizione.

Perché hai creato Feedbin?
Amo gli RSS. Ti consentono di seguire i tuoi interessi in una maniera piacevole ed efficiente. Ho usato Google Reader per diversi anni. Quando alla fine del 2012 Google ha smesso di lavorarci ho pensato che ci fosse un’opportunità di fare qualcosa che soddisfacesse le mie esigenze in modo migliore e ho pensato di trasformare questa soluzione in un prodotto per renderla sostenibile e disponibile a tutti.

Quante persone usano Feedbin?
Decine di migliaia.

Qual è la differenza fra la versione open source e quella commerciale?
Dal punto di vista del codice nessuna. La versione commerciale è più conveniente, perché hostata su un buon hardware, monitorata in maniera professionale, offre un eccellente uptime e riceve regolarmente gli ultimi aggiornamenti. Inoltre, le app native si sincronizzano solo con Feedbin.com.

Chiunque è libero di creare una propria istanza di Feedbin, ma penso che costerebbe di più e richiederebbe parecchio tempo.

Feedbin è nato come un side project: è ancora così
È nato così, ma ora ci lavoro full-time.

Quante persone lavorano a Feedbin?
A tempo pieno solo io, ma con me collaborano diversi freelance.

Qual è la public roadmap di Feedbin?
A dire la verità, no ne ho una.

Come non hai una roadmap?!?
Non mi è mai venuto in mente di avere una roadmap pubblica. Ho una mia lista di cose su cui lavorare, certo, ma non penso che abbia senso renderla pubblica. Non posso essere sicuro che una cosa funzionerà fino a che non sono felice con la sua implementazione.

Introdurrai funzioni come l’integrazione con IFTTT, la creazione di RSS per tag e saved search o keyword highlighting?
Sicuramente ci saranno nuove funzioni. Che siano proprio queste, per ora posso risponderti forse. Ripeto, non posso sapere quali nuove funzioni introdurrò fino a che non le ho provate e mi sono piaciute.

Cosa vorresti che diventasse Feedbin?
Feedbin è un bel posto dove leggere le cose sul web. Mi piace concentrarmi su qualunque cosa che possa migliorare l’esperienza di lettura o portare più contenuto all’interno di Feedbin.

Molti siti web sono divenuti ostili, pieni di pubblicità invadenti, pop-over e cose simili. Feedbin è l’opposto. Non c’è niente di inopportuno.

Utilizzi app di terze parti con Feedbin?
Su macOS uso l’interfaccia web. Su iOS invece uso Reeder perché mi piace molto.

ComunicazioneScrivere

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Ghost vs WordPress

Scopri le principali differenze fra Ghost e WordPress.

Solo per gli iscritti

Ghost self-hosted: perché sceglierlo e cosa ti serve per usarlo al meglio

Nel corso delle ultime settimane mi sono preparato a dovere per migrare il mio sito su Ghost, un CMS open source sviluppato e gestito da una organizzazione non-profit dedita a creare i migliori strumenti open source per giornalisti indipendenti, blogger e creatori di contenuti in generale. Seguo il progetto da

Solo per gli iscritti

Perché e come aggiungere una newsletter al tuo blog

Quando una persona che incontri, anche tutti i giorni, diventa un tuo contatto? Quando ti scambi il biglietto da visita. Perché lì sopra oltre al suo nome è indicato un modo per contattarla. Di solito telefono ed email. Con i tuoi lettori è lo stesso: diventano un contatto quando ti