Salta al contenuto

Ripartire dai fondamentali

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Durante l’ultimo anno e mezzo l’impalcatura su cui avevo costruito la mia vita è crollata. Piano piano ho ricostruito tutto, ma il secondo lockdown, per quanto breve, ha mandato di nuovo tutto a p……. Sai perché? Perché non mi ero preso cura delle fondamenta.

Troppo spesso ci dimentichiamo della manutenzione. Le basi, le fondamenta, non basta costruirle: vanno manutenute.

Lo sappiamo tutti, vero, ma in settimana mi sono reso conto che richiamarlo alla memoria è un’attività molto molto potente. L’ho realizzato mentre rivedevo il mio piano di studi per il pianoforte: stavo dando per scontati gli esercizi su scale e triadi per concentrarmi su accordi di settima e progressioni, quando l’occhio mi è caduto su una frase del manuale in cui si sollecita l’allievo a svolgere con accuratezza gli esercizi di base, che qualunque pianista con un minimo di esperienza approccerebbe probabilmente alla svelta per arrivare subito al dunque. Il punto è che al dunque è necessario arrivarci preparati. Occorre spendere del tempo nelle fondamenta e prendersene cura regolarmente.

È così per il pianoforte, per i progetti che approccio nel mio lavoro, ma anche e soprattutto per la gestione dei problemi con i miei figli e per l’organizzazione di tutta la mia vita.

Ogni tanto è necessario fermarsi un attimo e fare un ripasso dei fondamentali. Non possiamo darli per scontati, perché su di essi si regge l’impalcatura.

Io ho diversi fondamentali: sveglia presto, esercizio fisico, meditazione, Tecnica Pomodoro, lettura serale… E credo che ognuno di questi necessiti di una rivisitazione, magari di una sfida a se stante, da costruire con quel metodo (almeno un minuto) che mi ero inventato a un certo punto del viaggio.

Quali sono i tuoi fondamentali? Su cosa senti il bisogno di lavorare?

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre