Salta al contenuto

Kindle Touch: recensione di un divoratore di libri di carta

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
4 minuti

Table of Contents

Il nuovo Kindle Touch non rappresenta una rivoluzione nel mondo dell’editoria, se preso da solo. Quando però lo consideri insieme al nuovo programma Kindle Unlimited, allora ti rendi conto che può cambiare il tuo approccio alla lettura.

Ho provato la nuova versione del modello base dell’ebook reader di Amazon (costo 59 euro) nelle due ultime settimane, grazie al supporto fornitomi da Amazon stessa. Prima di iniziare la mia prova stavo già leggendo un libro sull’app Kindle del mio iPad e così quando ho preso in mano il nuovo dispositivo non ho dovuto fare altro che scaricare il libro dal cloud e ho potuto riprendere la lettura dove l’avevo interrotta. Utile se ti dimentichi a casa il Kindle.

L’inchiostro digitale di Amazon ha raggiunto un livello tale da rasentare la qualità del testo che puoi leggere su un libro. Io sarei disposto a pagare qualche cosa in più per avere il profumo dei libri veri. Credo di parlare per qualunque lettore quando sostengo che sia una cosa di cui è difficile fare a meno e di cui prima o poi senti la mancanza. Ci sono però libri e libri e non credo che smetterò mai di leggere i libri cartacei anche se leggo sempre di più sul digitale.

Detto che sul Kindle ci si legge alla grande, va notato che la navigazione fra i libri dello store non è così fluida come quella che puoi avere su un tablet, ma d’altra parte si tratta di dispositivi profondamente diversi.

Il browser sperimentale del Kindle è sufficiente a consentire la navigazione di cui puoi avere bisogno: non è granché, ma se vuoi “leggere il giornale” puoi tranquillamente navigare nel tuo sito Internet preferito e quando hai trovato qualcosa di interessante passare alla modalità articolo. Il Kindle si preoccuperà allora di rimuovere tutto il superfluo e lasciarti solo con il tuo articolo. È davvero una figata, ma non credo che si debba eccedere nell’uso di questa funzione. Il Kindle non è un dispositivo per navigare, ma per leggere.

Una cosa fantastica del Kindle è che posso collegarlo con il mio account Instapaper e con Blinkist. Nel primo caso avrò a disposizione un digest quotidiano con gli articoli che ho messo da parte per leggerli alla sera con calma. Blinkist invece consente di inviare oggi riassunto direttamente al proprio Kindle, dove leggere il testo con comodità ed eventualmente poi acquistare il relativo libro. Puoi farlo solo con 5 libri al mese, ma è strepitoso!

Il Touch non aggiunge nulla di straordinario al Kindle, ma complessivamente ne guadagna l’esperienza utente. Per sfogliare le pagine di un libro ora infatti è sufficiente spostare leggermente il dito sullo schermo. A letto è una pacchia, ma quando sei sull’autobus d’inverno temo lo sia un po’ meno perché o vai in giro senza guanti o te ne serve un modello con la punta del pollice mozzata o uno fatto apposta. D’altra parte, quando leggi un libro sui mezzi pubblici, hai un numero di complicazioni decisamente maggiore, a partire dall’ingombro e dalla necessità di spazio per sfogliare le pagine. Con il Kindle invece è sufficiente un movimento del pollicione e inoltre te lo puoi infilare in tasta mentre cammini.

Troverai curiosa l’assenza di una sezione dedicata ai testi gratuiti, ma capirai anche che non avrebbe senso: il business di Amazon è vendere libri. In ogni caso c’è il browser integrato che ti sarà d’aiuto.

Se a leggere queste righe ti sei fatto l’idea che non ne valga la pena, non è così. Ho adorato questo prodotto e sarà nella mia wishlist dei regali di Natale. L’esperienza di lettura, che è la cosa fondamentale, è fantastica.

Le cose che apprezzo maggiormente sono i dizionari integrati, che mi aiutano a leggere in inglese, la possibilità di evidenziare parte del testo e archiviare “ritagli” di quello che ho messo da parte. Tutte operazioni che il libro di carta non mi consente.

Veniamo ora a Kindle Unlimited. Se leggi almeno un libro al mese, è una svolta. Praticamente riuscirai a leggere molto di quello che vuoi al prezzo di mezzo libro cartaceo (9,99 euro). I testi presenti sono molti, ma non proprio tutti quelli che vuoi. Aumenteranno. Se sei un lettore di nicchia, dovresti prima controllare quello che c’è. In ogni caso però puoi sempre disabilitare l’abbonamento se per un periodo non leggi. Lo svantaggio è che se ti abboni e poi vuoi leggere qualcosa che non c’è oramai i soldi li hai spesi. Quindi un controllo preventivo di ciò che vuoi leggere è vivamente consigliato.

Non credere che per dieci euro al mese ti diano accesso a tutti i libri che vuoi per tutto il tempo che vuoi. È come in biblioteca: fino a che hai la tessera puoi leggere ciò che vuoi, quando la disdici la pacchia è finita.

Complessivamente il nuovo Kindle Touch di Amazon ha pienamente soddisfatto le mie attese. Anche la pubblicità in copertina, che puoi rimuovere per 20 euro, non è per nulla invadente, anzi passa quasi inosservata.

Per la scheda tecnica, ti rimando al sito del Kindle.

Disclaimer: questo bog è affiliato con Amazon da qualche mese, quindi se compi un acquisto sul loro sito a partire da qui sostieni il mio lavoro. Questo non ha nulla a che fare con il fatto che abbia apprezzato il loro prodotto: se non mi fosse piaciuto non l’avrei recensito.

Comunicazione

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

La fine di Facebook & co

Se la tua strategia di content marketing è ancora ancora ai social network, è il caso che cominci a guardare avanti. Secondo un report di Buzzsumo infatti la condivisione dei contenuti è in calo verticale. Ecco un commento letto sul Nieman Lab (neretto mio) The top line takeaway from its

Solo per gli iscritti

L'intelligenza artificiale renderà Facebook pauroso

Olivia Solon, sul Guardian, riporta una dei passaggi chiave dell’ultima conferenza degli sviluppatori di Facebook: Facebook is looking at using optical imaging – using lasers to capture changes in the properties of neurons as they fire – to glean words straight from our brain before we say them. If these

Solo per gli iscritti

Ben Ubois: con Feedbin ho reso il web più bello da leggere

Questo articolo è parte di una serie sulla dieta informativa per blogger, giornalisti, professionisti e semplici appassionati di news. Per ricevere i precedenti articoli e il seguito, iscriviti al form qui sotto. Nelle scorse settimane ho condiviso la mia strategia per usare bene gli RSS nel 2017. Nel primo articolo