Salta al contenuto

Forze interne e forze esterne

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

All’inizio del quinto secolo dopo Cristo, un uomo di nome Bodhidharma si stabilì sul picco Shaoshi del monte Song, una delle cinque grandi montagne cinesi, a circa 1500 metri di altezza sul livello del mare. Il paesaggio era ed è tuttora caratterizzato da altri sei picchi e da una foresta al cui interno è situato un tempio costruito pochi anni prima dall’imperatore Xiaowen per ospitare un maestro di meditazione giunto come Bodhidharma dall’India. Il tempio nella foresta di Shaoshi, o tempio Shaolin, diventerà negli anni successivi uno dei principali centri delle arti marziali cinesi. La leggenda narra che Bodhidharma trovò gli altri monaci indeboliti da anni di meditazione e così sviluppò le arti marziali che gettarono le basi del Kungfu Shaolin. Come andò realmente non è chiarissimo, ma quello che è certo è che la cultura del tempio Shaolin è un misto di arti marziali e buddismo Chan, un particolare tipo di Buddismo fondato sulla meditazione che otto secoli dopo avrebbe dato origine allo Zen giapponese.

Le arti marziali (Kungfu) del tempio di Shaolin sono considerate la massima espressione della filosofia buddista del tempio. Sono fra le più antiche arti marziali cinesi e sono considerate dei sistemi completi. Più in generale, le arti marziali cinesi hanno diversi metodi di classificazione, fra cui la più nota è forse esterne/interne. Sebbene la differenza più evidente sia che le prime sono esplosive e le seconde caratterizzate da movimenti lenti, la divisione è più politica che altro, e sta a indicare quelle provenienti dall’esterno e legate al Buddismo Indiano in contrapposizione a quelle interne, riconducibili al Taoismo cinese, fra cui il Tai Chi Chuan. Le une come le altre, però, sono fondate sul controllo della forza, dell’energia vitale, o del Qi, come lo chiamano i cinesi (quelle interne con un focus maggiore sulla mente).

Su questa forza vitale ci ho scritto un ebook in cui ho lasciato che i concetti del Qi, della Forza di Star Wars e della “pace” di Gesù Cristo cortocircuitassero fra di loro. Oggi invece mi premeva sottolineare come questa “forza”, presente in ognuno di noi, possa essere indirizzata diversamente a seconda dello stile praticato. Nel caso delle arti marziali cinesi, quelle esterne scaricano la forza generata sull’avversario, mentre le interne utilizzano la forza dell’avversario per contrattaccare, senza per questo essere difensive. Immagina di tirare un pugno a una lavagnetta di legno: puoi frantumarla, o fermarti a un millimetro da essa. Questo offre un’altra idea della differenza.

Spesso pensiamo di non essere adatti a certe attività, oppure di avere un particolare carattere, ma il risultato delle nostre azioni non dipende da come siamo, bensì da come governiamo la nostra energia vitale.

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre