Salta al contenuto

Di più e di meno

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

Mi hanno regalato un giardino zen. Di quelli con la sabbietta, i sassi e i templi. Nel mio c’era pure un gabbiano (?). Ne volevo comprare uno da un po’ di tempo, così l’ho aperto subito, ho versato tutta la sabbia dentro al giardino, ci ho messo i sassi, i templi, il gabbiano e… ho avuto un’illuminazione.

Il più delle volte prendiamo per buono quello che vi viene dato. Siamo così poco abituati a mettere da parte del tempo per pensare che, per l’appunto, non ci stiamo mai a pensare. Nel mio giardino zen, per renderlo allineato ai miei ideali, c’è ora solo un poco di sabbia, quella necessaria a coprire il pavimento, e i tre sassi della mia famiglia. I templi, il gabbiano, il resto della sabbia sono un di più che non aggiunge niente. Una distrazione dall’essenziale. Da ciò che fornisce significato alle cose.

L’opzione del suicidio

Il giorno dopo, mi hanno proposto un’assicurazione sulla vita che avrebbe pagato il premio agli eredi da me indicati anche in caso di suicidio. Non pensavo ci fossero assicurazioni del genere, e l’impiegata dell’assicurazione me l’ha provata a vendere come un di più che la sua compagnia offre. Così uno è ancora più tranquillo, che se per caso dovesse togliersi la vita non lascerebbe i propri cari in difficoltà. Io però l’opzione del suicidio non la voglio, perché il semplice fatto che ci sia mi esporrebbe a essa. In un momento di difficoltà, qualora dovessi mai pensare di togliermi la vita o la mia famiglia si trovasse in crisi economica, sapere che mia moglie e i miei figli non dovrebbero preoccuparsi di pagare il mutuo per la casa in cui vivono sarebbe un incentivo a togliersi la vita.

No, grazie

Da tempo considero la lista dei no uno degli strumenti più efficaci a nostra disposizione per fare andare le cose come vorremmo, nella vita come sul lavoro, e per questo l’ho inclusa nella Sfida di vivere intenzionalmente. La lista dei no è il sistema con cui evochiamo la dea Disciplina ogni volta che il resto del mondo pretende di avere il sopravvento su quel noi stessi in cui dovremmo riporre tutta la nostra fiducia per realizzare i nostri progetti.

L’arma del dubbio

Per allineare le nostre azioni con le nostre intenzioni occorre interrogarci su tutto quanto ci viene proposto. Perché spesso l’ultima opportunità che ci si presenta, l’offerta più conveniente, quello che diamo per scontato, è un prezzo gonfiato prima dello sconto.

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre