Salta al contenuto

Come rendere originale il tuo blog con pochi ritocchi

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
3 minuti

Table of Contents

Una delle prime cose che tutti fanno quando aprono un blog è personalizzare il template che hanno scelto. Io mi ci sono perso mille volte. In un precedente articolo ho indicato diversi temi essenziali, che cioè consentono all’autore di scrivere concentrandosi sulla scrittura, e senza tediare il lettore con inutili sidebar o altri ammennicoli, puntando solamente a convertirlo in subscriber, vale a dire “amico di email”, come lo chiamo io. In questo articolo volevo mettere in risalto quali sono gli aspetti da affrontare per personalizzare un blog.

Testata (header)

Bastano poche parole per dire chi sei, e in fondo l’originalità del blog sta tutta lì. A quelle poche parole ci puoi abbinare un colore di sfondo, ma anche no. Un’immagine o un logo sono invece accettabili, spesso graditi.

Sfondo

Niente. Togli tutto quello che dovessi trovarci, perché rende solo più difficile leggere gli articoli.

Colori

Uno. O due, se ti senti particolarmente stroverso. Il colore di accento, come viene chiamato in gergo, ti serve per indicare i punti importanti, come per esempio il bottone per iscriversi alla newsletter.

Con lo stesso colore puoi evidenziare i link quando qualcuno ci passa sopra. Usa sempre il sottolineato per i link, perché la gente li riconosce da quello, senza bisogno che usi un altro colore. Tutt’al più, puoi usare una sottolineatura di colore diverso da quello del testo (nel CSS scrivi una cosa tipo “article a {text-decoration: none; border-bottom: #ff6b6b}”), ma perché dovresti incentivare i tuo lettori ad abbandonare il tuo blog?

Ricordati di usare le varianti di grigio per le rifiniture, ma usa sempre la stessa variante, non dieci diverse!

L’app Color Name è fenomenale nel permetterti di scoprire colori originali.

Typeface

Google e Adobe offrono un’ottima selezione di font gratuiti. Scegli quello che più ti piace e utilizzalo nel tuo blog.

Usa massimo due font: un serif e un sans, uno per i titoli e uno per i testi. Su fontpair.co trovi ottime combinazioni.

Leggi quello che scrivi. Sul tuo sito. Su desktop, tablet e mobile. Scegli la grandezza del font in base a come ti trovi comodo tu a leggere. Meglio non meno di 16px.

Larghezza colonna

La colonna di testo dovrebbe avere una larghezza in caratteri fra i 60 e i 90, meglio se fra i 70 e gli 80. Così l’occhio del lettore non si deve sforzare di andare a capo, ma può leggere “in verticale” senza perdere il filo.

Su pearsonified.com/typography puoi combinare i vari parametri utilizzando la Golden Ratio, un rapporto presente in natura che rende tutto magicamente più bello.

Su typecast.com puoi creare il tuo stile e vedere come viene fuori direttamente sul web, esportandoti poi il CSS.

Bottoni dei social

Ti consiglio di generarli con simplesharingbuttons.com, che sono sufficientemente carini e ti evitano di appesantire il tuo sito. Puoi includerli in un widget di testo creato con un plugin tipo Add Widget After Content se non sai inserirli nel codice del tuo sito e non hai un’area widget dopo l’articolo. Meglio ancora, poi utilizzare una float bar per metterli lì quando servono, ma non dare noia al lettore. Sumome ha una buona soluzione gratuita, ma su Codecanyon con 19 dollari puoi comprare Easy Social Sharing Buttons, il miglior plugin a prezzo contenuto.

Se vuoi inserire i follow, mettili nel footer, dopo la richiesta dell’email. Meglio avere un’email che un follower in più.

Immagini

Quando ti servono, per Pexels e Pixabay, oltre a Wikimedia Commons, hanno ottime immagini che non ti costano né una citazione né un link.

Da dove partire

Lavorando su diversi template per passione e professione, ma soprattutto studiando i blog degli altri, mi sono reso conto che la componente fondamentale di un blog è — momento di imbarazzo — il testo!

Parti dal font dell’articolo, dalla larghezza della colonna, e poi disegna intorno a quella. Aggiungi un font per i titoli e un colore di accento. E il gioco è praticamente fatto.

Blogging ChallengeScrivere

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Ghost vs WordPress

Scopri le principali differenze fra Ghost e WordPress.

Solo per gli iscritti

Ghost self-hosted: perché sceglierlo e cosa ti serve per usarlo al meglio

Nel corso delle ultime settimane mi sono preparato a dovere per migrare il mio sito su Ghost, un CMS open source sviluppato e gestito da una organizzazione non-profit dedita a creare i migliori strumenti open source per giornalisti indipendenti, blogger e creatori di contenuti in generale. Seguo il progetto da

Solo per gli iscritti

Perché e come aggiungere una newsletter al tuo blog

Quando una persona che incontri, anche tutti i giorni, diventa un tuo contatto? Quando ti scambi il biglietto da visita. Perché lì sopra oltre al suo nome è indicato un modo per contattarla. Di solito telefono ed email. Con i tuoi lettori è lo stesso: diventano un contatto quando ti