Salta al contenuto

5 palline

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

In un discorso di 60 secondi, il CEO di Google Sundar Pichai (non ho trovato l’originale, ma poco conta) ha invitato a immaginare la propria vita composta da 5 palline, quattro di vetro e una di gomma, da far girare in aria senza farle cadere. Quando una di quelle di vetro cade, va in frantumi, e non c’è modo di farla tornare come prima. Quella di gomma invece rimbalza, magari si allontana, ma puoi sempre recuperarla e sarà esattamente come prima.

Le palline di vetro sono:

  • famiglia;
  • salute;
  • amici;
  • anima.

La metafora ci indica la delicatezza di questi aspetti della nostra vita. Se non ce ne occupiamo, vanno in frantumi.

La pallina di gomma è il lavoro. Si può cambiarlo, si può perderlo, ce lo si può inventare, ne possiamo fare uno che non ci piace, ma in ogni caso il lavoro è lì. Se cade, si ricomincia da capo. Certo, può essere difficile, estremamente difficile e complicato, e quando capita di perdere il lavoro a volte ti ritrovi in un tunnel in cui non si vede la via di uscita. Ma pur sempre di un tunnel si tratta, e anche se non si vede, l’uscita c’è. Se cade una palla di vetro no.

La pallina di vetro si crepa, si rompe, si danneggia. Può andare in mille frantumi. E quando succede, è successo.

Per questo è importante creare armonia fra vita e lavoro. Non equilibrio, che come spiego nel libro Vivere intenzionalmente è impossibile, essendo il lavoro una pallina e la vita cinque. Se dedicassimo alle palline di vetro la stessa attenzione che dedichiamo a quella di gomma, probabilmente queste correrebbero meno il rischio di finire in frantumi. E questo è uno di quei casi per cui è troppo tardi.

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre