Salta al contenuto

Troppo tardi

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

Sappiamo tutti che non è mai troppo tardi non è vero. Ogni cosa ha il proprio troppo tardi, ma ci piace ingannarci. Il tempo è un concetto relativo: è tanto all’inizio, e sempre poco alla fine. Quindi se c’è ancora tempo o no dipende dal punto in cui ti trovi lungo la linea temporale in cui vivi. Il problema è dato dal fatto che non sappiamo mai in che punto ci troviamo, e di conseguenza quanto tempo rimanga. Quindi, in un certo senso, decidere che è sempre quasi troppo tardi è l’unico modo per avere ancora una chance.

Ci sono cose nella mia vita che ho sempre voluto fare e per cui è sempre più tardi. Nel senso che in un’ipotetica vita di 80/90 anni oramai mi trovo a metà se non oltre. Vorrei visitare il Tibet e andare a studiare Tai Chi nel tempio Shaolin; imparare a suonare bene la tromba e il piano jazz; tornare a giocare a pallone e allenare; fare il giro d’Irlanda in bicicletta; scrivere per professione… Non ho abbandonato alcuno di questi sogni, ma per ognuno di essi il troppo tardi è sempre più vicino o apparentemente già superato.

Spesso sono i fattori esterni che ci impediscono di realizzare i nostri progetti, ma per ogni fattore esterno c’è sempre una colpa interna. Anche solo quella di non aver combattuto. È il provarci e basta che poi ti frega. Non è sufficiente stendere un piano per un anno memorabile per cambiare corso ai successivi dodici mesi. Bisogna poi combattere per realizzarlo.

Ci sono cose per cui è oggettivamente troppo tardi, come per esempio diventare un calciatore o un musicista professionista. Per molti dei miei sogni invece non lo è, però mi sembra. Perché il lavoro, perché i bambini, il mutuo… Eppure quei troppo tardi che mi sembrano, proprio quelli rappresentano la riserva di ossigeno a cui attingere quando mi manca il fiato. Consapevole del fatto che ogni giorno è sempre più tardi. E che in fondo, però, se mi ci dedicassi ora non sarebbe più troppo tardi.

Qual è una delle cose per cui ti sembra sia troppo tardi e che invece se finito di leggere cominciassi a dedicartici, chi se ne frega di troppo tardi?

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre