Salta al contenuto

Settembre

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Siamo soliti pensare a gennaio come al momento giusto per qualcosa di nuovo, per cambiare le nostre abitudini e fare di noi una persona migliore, ma settembre è meglio.

Alle nostre latitudini, gennaio interrompe qualcosa. Difficilmente aiuta altro a sbocciare. Piani e propositi per l’anno nuovo si dissolvono entro la fine di febbraio. Settembre no, non ha questo difetto. Il caldo svanisce, siamo ricaricati dalle vacanze, e al netto di tutto abbiamo davanti almeno nove mesi per dedicarci ai nostri obiettivi.

Quando ho costruito il mio planner per un anno memorabile non pensavo che avrebbe potuto funzionare in ogni momento, ma ho visto molte persone scaricarlo e iniziare a lavorarci nei diversi mesi dell’anno. Non d’estate, curiosamente. E in generale, più nei primi mesi dell’anno che non negli ultimi. Questa idea che qualcosa di nuovo debba iniziare nel momento giusto è terribilmente sbagliata. Ogni momento è quello giusto per dedicarsi a una nuova iniziativa. E settembre è meglio di tanti altri mesi.

Partendo a settembre, hai quella naturale finestra del periodo natalizio per fare un check-up al tuo progetto e poi altri sei mesi per portarlo a compimento. Poi arriva l’estate che cambia le nostre abitudini, ci porta all’aperto e ci fa rilassare. Ragionare per stagioni è qualcosa a cui penso spesso e ritengo che questa sia la stagione migliore per dedicarsi a qualcosa di nuovo.

Siccome restano pochi giorni alla fine di settembre, o magari mentre leggi siamo già a ottobre, prova a iniziare qualcosa di nuovo senza stare troppo a pensarci. Anche perché, molte delle cose a cui sei interessato stanno iniziando ora o sono già iniziate.

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre