Salta al contenuto

Pianifica un anno memorabile

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Siamo in missione per conto di Dio. Elwood Blues, in The Blues Brothers, lo ripete ben 4 volte. È il mantra con cui i nostri eroi affrontano una serie di avventure per salvare dalla chiusura l’orfanotrofio in cui sono cresciuti. Tutti noi abbiamo una missione, in questa vita. Qualcuno l’ha già trovata, qualcun altro no. Qualunque sia il tuo caso, per cavalcare la prossima onda hai bisogno di un certo tipo di preparazione. Per me questo significa pianificare all’inizio di ogni anno gli obiettivi che voglio raggiungere.

Per questo ho speso del tempo per imparare a farlo e per costruire un quaderno di lavoro che potesse aiutarmi a crescere negli anni e a scoprire la mia missione. L’ho chiamato “Un anno memorabile” e da oggi lo puoi scaricare dal sito.

Insieme al quaderno di lavoro trovi le istruzioni per la compilazione, un mini-manuale che ti guiderà dall’analisi dell’anno appena trascorso alla definizione degli obiettivi dei prossimi dodici mesi passando attraverso alcuni esercizi di introspezione per scoprire o chiarirti la tua missione.

Mia moglie mi prende in giro perché ogni anno faccio questa cosa. E ogni anno fra le cose che pianifico ce ne sono diverse che non mi riescono. Però col tempo sto diventando migliore. Non nel senso che realizzo tutte le cose che pianifico, ma che riesco a individuare quelle essenziali – quelle capaci di dare un senso al mio anno – e concentrarmi su di esse.

E questo grazie a una parte fondamentale del mio quaderno, quella in cui mi guardo dentro e cerco di stabilire una connessione con i miei perché, che è poi il tema a cui ho dedicato le ricerche confluite nel mio libro Vivere intenzionalmente.

Progetti

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Un modello per sbagliare

Chi bene e chi male, tutti sbagliamo. Sbagliare non è un problema. È parte del processo di crescita. Sbagliando s’impara, no? No, non sempre. C’è modo e modo di sbagliare, e se non hai un modello per sbagliare, sbagliare non ti insegna un bel nulla, ma ti costa

Un modello per sbagliare
Solo per gli iscritti

Cose impossibili

Succede di questi tempi che ti domandino: “Andate da qualche parte quest’estate?” Una volta ci si chiedeva “dove vai in ferie?”, dando per scontato che uno ci andasse. Con i tempi che corrono non è più scontato andarci (per impossibilità o per scelta) e meno scontato ancora è andare

Solo per gli iscritti

Funzionerà?

In questi giorni sto valutando diversi progetti che mi frullano nella testa da un po’, con l’intenzione di sceglierne uno e cominciare a sperimentare, e mi sono reso conto che i criteri di valutazione di un progetto possono essere applicati a diversi aspetti della nostra vita, dalla preparazione della

Funzionerà?