Salta al contenuto

Lo Stato dell’Unione: 2020

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

Anche quest’anno ho deciso di condividere con chi mi legge il mio “Stato dell’Unione”. È una pratica diffusa fra i blogger americani e consiste in un “discorso” (come quello del Presidente) ai lettori su come vanno le cose nel blog. È anche un metodo per avere uno sguardo su presente, passato e futuro della propria vita, e per questo in forma approfondita lo propongo nel planner per un anno memorabile.

Cos’è andato bene nel 2019

Vivere intenzionalmente è cresciuto e oggi ha 60 mila lettori al mese: di questi quasi 5 mila sono iscritti alla newsletter e la leggono regolarmente. Grazie di cuore per essere fra questi!

Il mio libro Vivere intenzionalmente – Semplici pratiche per rimanere connessi con i propri perché ha venduto in poco più di un anno circa mille copie, l’equivalente di una prima stampa per un autore inedito.

Ho scritto e pubblicato La Pratica – Comprendere la meditazione, superare le difficoltà e stabilire un’abitudine salutare, ed è stata una fantastica avventura, condita da ottimi commenti su Amazon (se vuoi aggiungere la tua recensione mi aiuterai a diffonderlo).

Ho aggiornato il Planner per un anno memorabile aggiungendo schede per settimane e giorni e condensando istruzioni ed esercizi in un unico documento utilizzabile sia stampato che in digitale.

Sono riuscito a pubblicare tutte le domeniche questa newsletter giunta oramai al terzo anno di vita (in un paio di occasioni è slittata a lunedì, scusa).

Ho reso fruibile anche sul sito il corso La sfida di vivere intenzionalmente così chiunque può ripeterlo quando vuole.

Cos’è andato male

Mi sono incartato su La Pratica e ho dedicato meno tempo al progetto rispetto agli anni passati. Questo si è visto in alcune newsletter, che ho scritto un po’ di corsa a fine settimana. A maggior riprova che le abitudini sono tutto.

Ho fatto un pasticciaccio con il lancio de La Pratica, e non ho dedicato il tempo necessario alla sua promozione (per fortuna pare se la cavi da solo). Più in generale, ho fatto poco o nulla marketing per promuovere quello che ho prodotto.

Non ho sistemato la grafica del sito.

Non mi sono mai preso la briga di capire perché la gente si cancelli dalla newsletter, a parte il fisiologico.

Cosa c’è in serbo per il 2020

Voglio tornare a scrivere in breve. L’obiettivo che mi pongo è una newsletter di 300/500 parole, da leggere in pochi minuti, magari dividendo singoli temi in più puntate. Dammi tempo.

Voglio scrivere un libro su come coltivare le proprie passioni. E forse anche un ebook sul minimalismo, ma non ci sarà il tempo.

Voglio ragionare sulla possibilità di organizzare il sito attorno alla Sfida , offrendo corsi gratuiti e corsi a pagamento sui singoli moduli. Non so, è ancora un’idea.

Voglio pubblicare un Bigino di vivere intenzionalmente. L’ho già scritto, ma non mi convince del tutto l’idea.

Considerazioni finali

Se penso a tutto quanto succede nel mondo, quello che posso fare io è davvero poco, ma nel mio piccolo mi sono dato una missione: aiutare quante più persone possibile a spendere il proprio tempo secondo le proprie intenzioni, allineando le proprie azioni con queste. A giudicare dal riscontro dei lettori, oltre che scrivere, “allenare” è una cosa che mi viene bene (e in effetti quando allenavo e quando ho diretto dei team ho sempre ottenuto buoni risultati), quindi Vivere Intenzionalmente deve smettere di essere solo un luogo dove condivido i risultati dei miei esperimenti e diventare anche una palestra dove guidare gli altri a replicarli in proprio, come ho già fatto con la Sfida e il Planner.

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre