Salta al contenuto

La struttura del post #1

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Table of Contents

Scrivere è la parte più facile di tenere un blog. È come scrivere un post che è un casino, a meno che la tua mente non sia allenata a sceglierle la struttura giusta per un post ancora prima di scriverlo.

Nella mia esperienza, ci sono almeno un paio di strutture per scrivere un articolo che ti possono tornare utili quando ne devi scrivere uno e non hai la più pallida idea di come cominciare. In questo articolo ti racconto la prima e più semplice.

Introduzione

Le prime righe di un post sono spesso quelle più lette, mentre alle ultime non tutti ci arrivano, e in mezzo spesso non si ferma nessuno. Nell’introduzione devi catturare l’attenzione del lettore e promettergli qualcosa

Corpo del post

Un articolo è più facilmente scrivibile e digeribile se ne dividi i concetti principali in 3 punti chiave, da illustrare in tre distinti paragrafi. Il nostro cervello — che vuoi farci — funziona così, che le cose divise in tre le capisce meglio.

Ogni paragrafo si deve aprire con un’affermazione che poi andrai a spiegare nel resto del paragrafo.

Nel mondo ideale, ognuno di questi paragrafi avrà un suo titolo che spiegherà al lettore che non legge quello che si perde se non legge, o comunque gli darà un’idea di quello che c’è nell’articolo sufficiente a farglielo salvare per leggere dopo.

Conclusioni

Un articolo non deve avere conclusioni. O meglio, le conclusioni dovrebbero essere uno spazio di recap, per ricordare i punti chiave, e spiegare al lettore come mettere in pratica quello che hai scritto.

Una struttura che convince

Costruire un articolo in questa maniera consente all’autore del post di scrivere più velocemente e mantenere il focus sul messaggio da comunicare, al tempo stesso offrendo al lettore qualcosa che sia facilmente memorabile, condivisibile, e soprattutto semplice da mettere in pratica.

Non sempre un articolo può essere scritto in questo modo, ma il più delle volte sì, e comunque questo è sempre un buon punto di partenza.

Blogging ChallengeScrivere

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Ghost vs WordPress

Scopri le principali differenze fra Ghost e WordPress.

Solo per gli iscritti

Ghost self-hosted: perché sceglierlo e cosa ti serve per usarlo al meglio

Nel corso delle ultime settimane mi sono preparato a dovere per migrare il mio sito su Ghost, un CMS open source sviluppato e gestito da una organizzazione non-profit dedita a creare i migliori strumenti open source per giornalisti indipendenti, blogger e creatori di contenuti in generale. Seguo il progetto da

Solo per gli iscritti

Perché e come aggiungere una newsletter al tuo blog

Quando una persona che incontri, anche tutti i giorni, diventa un tuo contatto? Quando ti scambi il biglietto da visita. Perché lì sopra oltre al suo nome è indicato un modo per contattarla. Di solito telefono ed email. Con i tuoi lettori è lo stesso: diventano un contatto quando ti