Salta al contenuto

La gestione del tempo e il sonno polifasico

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Table of Contents

In questo post Chirs Bowler ha richiamato la mia attenzione sul sonno e sui rituali del mattino, su cui sto scrivendo un articolo. Da quando è nata mia figlia, non dormo più allo stesso modo di prima. Ho cominciato a sperimentare il sonno polifasico, che Chris mi ha spiegato essere parte della nostra natura di umani. Le otto ore di sonno sono un mito, questo lo sapevo già, ma non sapevo che la necessità di un unico sonno continuo fosse anch’essa un mito moderno. Nell’antichità invece alzarsi nottetempo, svolgere delle attività e poi rimettersi a dormire era normale.

Mi è capitato più volte di svegliarmi nel cuore della notte e passare le ore a cercare di rimettermi a dormire fino a quando, stufo, non ho deciso di fare qualcosa, come leggere. Pare che le ore fra un sonno e l’altro siano molto produttive. Gestire un sonno polifasico non è facile, ma spezzare in due la notte e alzarsi a scrivere è una cosa che voglio sicuramente provare.

Journal

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Day One 2 recensione: perché tenere un diario, che tipo di diario scrivere e perché farlo con quest'app

Tenere un diario forse ti sembra inutile perché pensi che non lo rileggerai mai. Day One ha risolto questo “problema” con l’introduzione dei widget: ogni giorno ti propone nel Notification Center un ricordo fra quelli che hai registrato in precedenza. Se ti stai ancora chiedendo perché

Solo per gli iscritti

Seconda stella a destra

Da quando ha imparato a volare, tutte le sere porto mia figlia sul balcone e la sollevo sopra la mia testa cantandole: Seconda stella a destra questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino poi la strada la trovi da te, porta all’Isola Che Non C’è.

Solo per gli iscritti

I numeri dei fantasmi

Spulciare la rubrica dei contatti è una vecchia abitudine, di quando le SIM contenevano al massimo 120 nomi. Sempre più spesso incappo in numeri di gente che non fa più parte della mia vita. A volte non ricordo neppure chi fossero e le cancello. Altre volte, sono persone non più