Salta al contenuto

Fallire in avanti

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Table of Contents

Uno dei motivi per cui raramente decidiamo di intraprendere la strada verso la realizzazione dei nostri sogni è la paura di fallire. Meglio tenersi un sogno che distruggerlo cercando di realizzarlo. È facile pensarla così. In fondo, fino a quando non provi a viverlo, questo sogno rimane una stock option sul tuo futuro. Se però ci provi e non ci riesci, si dissolve.

Non è così. L’unico fallimento possibile è non provarci. È morire con un sogno fra le mani, senza sapere se saresti mai stato in grado di realizzarlo.

Tutti gli altri fallimenti sono pivot verso il successo. L’importante è fallire in avanti. Imparare dagli errori e ricominciare da dove hai sbagliato. Delle proprie invenzioni Thomas Edison diceva: Non ho mai fallito. Ho solo trovato 10 mila modi in cui le cose non funzionano. Molte persone falliscono perché si arrendono senza rendersi conto di quanto siano vicine al successo.

Senza sbaglio non c’è progresso. Se quello che fai va sempre bene, non imparerai mai quello che non funziona e ogni scelta sarà accompagnata dalla certezza del risultato minimo anziché dal rischio di un successo più grande.

Se non ti prendi un rischio non saprai mai se quell’ipotesi che hai formulato è vincente o meno. Accontentandoti sempre del pareggio non puoi vincere il campionato.

Come realizzare un sogno? Ci ho riflettuto parecchio nei miei precedenti post e ne è uscito un mini-ebook che ho chiamato Sognare per vivere. Stay tuned! And take your own risk!

Journal

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Day One 2 recensione: perché tenere un diario, che tipo di diario scrivere e perché farlo con quest'app

Tenere un diario forse ti sembra inutile perché pensi che non lo rileggerai mai. Day One ha risolto questo “problema” con l’introduzione dei widget: ogni giorno ti propone nel Notification Center un ricordo fra quelli che hai registrato in precedenza. Se ti stai ancora chiedendo perché

Solo per gli iscritti

Seconda stella a destra

Da quando ha imparato a volare, tutte le sere porto mia figlia sul balcone e la sollevo sopra la mia testa cantandole: Seconda stella a destra questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino poi la strada la trovi da te, porta all’Isola Che Non C’è.

Solo per gli iscritti

I numeri dei fantasmi

Spulciare la rubrica dei contatti è una vecchia abitudine, di quando le SIM contenevano al massimo 120 nomi. Sempre più spesso incappo in numeri di gente che non fa più parte della mia vita. A volte non ricordo neppure chi fossero e le cancello. Altre volte, sono persone non più