Salta al contenuto

Essere felici per avere successo

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Table of Contents

In questo post Eric Barker riporta le conclusioni di uno studio condotto dal professor Shawn Achor dell’università di Harvard, autore del libro The Happiness Advantagese aumenti il tuo livello di felicità e diventi più ottimista aumenterai le probabilità di successo in ogni cosa che fai.

In uno studio del professore, un gruppo di persone ottimiste ha ottenuto risultati migliori del 19 per cento rispetto a quell del gruppo di confronto, composto da pessimisti. Questo nel primo anno del test. Nel secondo le prestazioni sono state migliori del 57 per cento.

La spiegazione è che intelligenza e competenze determinano il successo solo per il 25 per cento. Il resto delle probabilità di successo è legato a ottimismo, connessioni sociali e al modo in cui percepisci lo stress. Trasformare ciò che genera stress in una sfida è sufficiente per ridurre del 23 per cento i sintomi correlati allo stress.

Journal

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Day One 2 recensione: perché tenere un diario, che tipo di diario scrivere e perché farlo con quest'app

Tenere un diario forse ti sembra inutile perché pensi che non lo rileggerai mai. Day One ha risolto questo “problema” con l’introduzione dei widget: ogni giorno ti propone nel Notification Center un ricordo fra quelli che hai registrato in precedenza. Se ti stai ancora chiedendo perché

Solo per gli iscritti

Seconda stella a destra

Da quando ha imparato a volare, tutte le sere porto mia figlia sul balcone e la sollevo sopra la mia testa cantandole: Seconda stella a destra questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino poi la strada la trovi da te, porta all’Isola Che Non C’è.

Solo per gli iscritti

I numeri dei fantasmi

Spulciare la rubrica dei contatti è una vecchia abitudine, di quando le SIM contenevano al massimo 120 nomi. Sempre più spesso incappo in numeri di gente che non fa più parte della mia vita. A volte non ricordo neppure chi fossero e le cancello. Altre volte, sono persone non più