Salta al contenuto

Disconnettersi

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
2 minuti

Disconnetterei è un privilegio che quasi nessuno di noi è oggi in grado di concedersi. Me ne sono reso conto durante qualche giorno di vacanza che mi sono preso con la mia famiglia. Inizialmente, avevo pensato di disconnettermi completamente, e avevo ritenuto di poterlo farlo portandomi appresso solo un vecchio Android che non ha tutte le app del mio iPhone. Ho però subito scoperto divesi motivi per cui questa cosa non avrebbe funzionato:

  • il mio iPhone è anche la mia fotocamera e videocamera, per cui non avrei potuto scattare foto ai miei bambini;
  • in caso di bisogno, il mio iPhone funziona come un computer, e non si sa mai (infatti ci ho scritto questa email, prenotato e pagato un’altra settimana di ferie, prenotato delle visite mediche, e organizzato con mia moglie il piano della prossima settimana);
  • ovviamente mi serve per telefonare e soprattutto tenere i contatti con i miei cari (a cui eventualmente mandare foto e video tramite la chat WhatsApp di famiglia). 

Quando mi sono reso conto che i suddetti sono motivi abbastanza futili, era troppo tardi e avevo lasciato il muletto a casa. Allora mi sono detto che sarebbe bastato disconnettere il mio iPhone, ma l’impellente necessssita di seguire le news del calciomercato mi ha bloccato sul nascere. Ho provato infine a impostare un limite all’uso delle diverse app, ma anche qui non ci ho messo molto a superare il limite che avevo impostato, visto che è possibile. 

Non mi è rimasto che disconnettere il mio iPhone, salvo consentirmi di riconnetterlo alla bisogna (oggi c’è la prima amichevole dell’Inter, vuoi che me la perda?) e cancellare tutte le app che potrei consultare (mail, Reddit, rss reader, ho tenuto Safari perché avevo delle pagine aperte, e ho realizzato che è una cosa da non fare mai più, e le app per leggere, che se proprio…)

In ogni caso, sono soddisfatto di quanto poco abbia usato il mio iPhone. Anche se è stato comunque troppo: mai meno di un’ora e 28 minuti. 

Ad agosto ho ancora una settimana di ferie, e questa volta voglio arrivarci preparato. Sto ancora ragionando su come disconnettermi a sufficienza, concedendomi una finestra per le informazioni e le partite. Tu che ne pensi? Provi l’urgenza di disconnetterti o ti sembra solo un inutile castrazione? Riuscirai a disconnetterti almeno durante le ferie?

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre