Salta al contenuto

Vacanza

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Tu lo sai come si fa una vacanza? Nelle scorse settimane ho maturato questa decisione: me ne vado in vacanza. Da tutto per un po’, da questo progetto fino a fine mese. Per darmi il tempo di riorganizzare le idee, ricaricare le batterie, e contaminarmi con qualcosa di nuovo. Già, ma cosa significa vacanza e soprattutto: come si fa una vacanza?

Il termine vacanza deriva da latino vacantia, plurale neutro del participo vacans, vacantis del verbo vaco, vacare. Letteralmente quindi essere vacante: i romani lo usavano per indicare l’assenza di un titolare o responsabile di una carica così come di un ufficio civile o ecclesiastico. Il verbo vaco invece aveva un significato più esteso. Veniva usato in tre occasioni:

  • per indicare il vagare, l’errare senza meta o il semplice andarsene in giro di qua e di là;
  • per estensione, indicava il propagarsi, diffondersi, estendersi di un qualcosa;
  • usato in un discorso significava fare digressioni o procedere senza ordine, più in generale divagare.

Nel parlare quotidiano vaco veniva usato anche per indicare l’assenza di coinvolgimento in qualcosa (es: a culpa vaco per non sono colpevo, a opere vaco per non ci ho lavorato, a metu ac periculis vacare per sono esente da paura e pericolo).

Dunque, andare in vacanza significa liberare la poltrona che occupiamo regolarmente, disimpegnarci per un periodo e aprire una parentesi per estendere qualcosa già presente.

Staccare dal lavoro per un lungo periodo non è semplice, ma pur continuando a lavorare ci si può prendere una vacanza comunque: esistono pur sempre le sere e i weekend, così come i festivi, solo che troppe volte teniamo acceso il telefonino e continuiamo a controllare l’email. Dunque, perché vacanza possa essere il prossimo mese lo dedicherò a fare spazio per pensare, prendere appunti, e coltivare passioni e interessi diversi dal solito. Nello specifico, ho in mente di ripetere l’esperimento per disintossicarmi dallo smartphone e scrivere più spesso nel mio giornale di bordo.

Ci sentiamo a settembre!

Riflessioni

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Progetti sì, progetti no

Fra pochi giorni aprirò la mia agenda per la review più importante dell’anno: quella finale. Quella in cui verifichi quanto hai realizzato, rivedi gli errori commessi e ne fai tesoro, cancelli progetti per cui ti eri preso una cotta passeggera, e finalmente butti giù gli obiettivi per rendere il

Progetti sì, progetti no
Solo per gli iscritti

Data di scadenza

Qualche giorno fa discutevo con mio fratello della malsana idea di comprare un pianoforte vero o ibrido o insomma un digitale top di gamma. Ne ho bisogno? No, ma il tarlo me l’aveva messo lui spendendo 1.500 euro per un sassofono di qualità professionale non avendone mai suonato

Data di scadenza
Solo per gli iscritti

Verso l’ignoto e oltre

Ci sono cose che sappiamo di sapere. Così come ci sono cose che sappiamo di non sapere. Ma ci sono anche cose che non sappiamo di non sapere. Donald Rumsfeld, segretario della difesa americano negli anni ’70, le classificava in questo modo: * known knowns; * unknown knowns; * unknown unknows. Le conoscenze

Verso l’ignoto e oltre