Salta al contenuto

Blank Disrupt

Silvio Gulizia
Silvio Gulizia
1 minuto

Table of Contents

Gli americani usano il termine disruptive per indicare un certo tipo di innovazione in grado di stravolgere il mondo che trova. Da noi questo concetto è ancora poco chiaro tanto che c’è chi ritiene che pure una pizzeria possa essere definita una startup. Invece no: non tutte le aziende sono startup e non è che sia facile definire cos’è e cosa non è una startup. Volendo potremmo decidere di chiamare startup quell’azienda neonata che si fa portatrice di un’innovazione distruttiva. Una disruptive innovation è qualcosa che cambia radicalmente tutto. Per capire di che parlo ti sarà utile partecipare al primo Blank Disrupt italiano, in programma a Catania il 28 e 29 marzo. Si tratta di una due giorni (conferenza e workshop) dedicata a diffondere cultura, metodologie e pratica di realizzazione di quella che appunto chiamiamo innovazione distruttiva.

Cito da comunicato (il neretto è mio): L’innovazione non riguarda solo ambiti tecnologici: le sfide poste oggi all’uomo nel campo professionale, nell’organizzazione del lavoro e dell’impresa, possono essere risolte solo attraverso un cambiamento radicale capace di offrire soluzioni fuori dagli schemi consolidati e di creare nuovi paradigmi. Sono totalmente d’accordo con questo principio ed è per questo che ho deciso di segnalarti l’iniziativa. Io purtroppo in quelle date sono impegnato altrove [footnote]Ma non è detto che non riesca a liberarmi :)[/footnote].

Ti consiglio di sfogliare l’elenco dei talk e dei workshop sul sito dell’evento. Ecco gli speaker:

  • Paul Tolchinsky – European Organization Design Forum
  • Ralph Weickel – European Center for Positive Change
  • Filippo Privitera – Beintoo
  • Stelio Verzera – Cocoon Projects
  • Lucio Margiulis – Juego Serio
  • Jacopo Romei – Ideato e Cocoon Projects
  • Emil Abirascid – StartupBusiness
  • Guido Baroncini Turricchia – Bitcoin Foundation Italia
  • Nunzio Abbate – STMicroeletronics
  • Corrado Spinella – CNR IMM Catania
  • Salvatore Di Dio – Push
  • Vincenzo Di Maria – SikLab
  • Oana Juncu – cOemerge
  • Vasco Duarte – Product Manager and Agile Coach
  • Salvo Mica – E-Ludo Interactive.

Il progetto è stato curato da Startupbusiness e Cocoon Project: te lo dico giusto in caso ti servisse un’ulteriore garanzia sulla qualità dell’evento.

Journal

Silvio Gulizia Twitter

Il padawan di questo sito.


Articoli correlati

Solo per gli iscritti

Day One 2 recensione: perché tenere un diario, che tipo di diario scrivere e perché farlo con quest'app

Tenere un diario forse ti sembra inutile perché pensi che non lo rileggerai mai. Day One ha risolto questo “problema” con l’introduzione dei widget: ogni giorno ti propone nel Notification Center un ricordo fra quelli che hai registrato in precedenza. Se ti stai ancora chiedendo perché

Solo per gli iscritti

Seconda stella a destra

Da quando ha imparato a volare, tutte le sere porto mia figlia sul balcone e la sollevo sopra la mia testa cantandole: Seconda stella a destra questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino poi la strada la trovi da te, porta all’Isola Che Non C’è.

Solo per gli iscritti

I numeri dei fantasmi

Spulciare la rubrica dei contatti è una vecchia abitudine, di quando le SIM contenevano al massimo 120 nomi. Sempre più spesso incappo in numeri di gente che non fa più parte della mia vita. A volte non ricordo neppure chi fossero e le cancello. Altre volte, sono persone non più